user

   

Accedi   

Accedi   

user
Benvenuto

Attiva subito le Notifiche Facebook, tieniti aggiornato in tempo reale sulle proposte lavorative relative al tuo profilo professionale!

Notice: Undefined index: notifiche in /home/krlavoro.it/public_html/layout/top.php on line 277
06
AGO 18

Casa e vacanze nel nome della sostenibilità



Italiani più propensi a contenere i consumi e a rispettare l’ambiente. E sono sempre più diffuse le app e le community che consentono di limitare gli sprechi, risparmiare acqua ed energia, effettuare correttamente la raccolta dei rifiuti e muoversi in modo ecocompatibile

Sempre più persone sono propense ad avere uno stile di vita sostenibile: dalla casa, con una gestione oculata dei consumi energetici e dell'acqua ed evitando di sprecare cibo, agli spostamenti, condividendo i viaggi in macchina o usando la bici, fino alle vacanze, cercando di scegliere strutture ricettive ecologiche. Non per nulla si stanno diffondendo app e piattaforme digitali che aiutano a organizzarsi da questo punto di vista e danno informazioni per fare scelte attente all'ambiente.

Gli italiani attenti alla sostenibilità in casa. Per quanto riguarda per esempio la casa, secondo l'ultimo studio dell'Osservatorio Sara Assicurazioni, la compagnia assicuratrice ufficiale dell'Automobile Club d'Italia, condotto dall'istituto di ricerca Nextplora nel 2017 su di un campione rappresentativo della popolazione, l'82% degli italiani dichiara di seguire un comportamento attento alla sostenibilità all'interno delle proprie mura domestiche.

Anche perché le persone sono consapevoli che un approccio ecosostenibile verso l'abitazione permette pure di ottenere un risparmio economico significativo: più di uno su tre (39%) si dice persino disposto a investire in interventi edilizi per riqualificare la propria casa e renderla così più efficiente.

Tuttavia, per limitare gli sprechi e gestire al meglio i consumi, oltre ai veri e propri lavori di ristrutturazione, si possono anche adottare piccoli accorgimenti nei gesti di tutti i giorni, per esempio diminuendo il consumo di energia, il che fa bene al Pianeta e consente di avere bollette più basse: il 67% degli intervistati, infatti, spegne luci e dispositivi elettronici quando non è in casa o quando non è nella stanza, mentre il 59% sostituirebbe le vecchie lampadine a incandescenza con quelle a Led, che possono durare da 8 a 10 volte in più e consumano molto meno. Il 51%, inoltre, preferisce acquistare elettrodomestici di classe energetica elevata, mentre il 36% ha dichiarato di fare un uso razionale del condizionatore.

Anche riguardo alle fonti di energia, si conferma un'attenzione all'ambiente: quasi la totalità degli intervistati (90%) utilizzerebbe fonti rinnovabili, da quella solare a quella geotermica. Infine, per risparmiare energia, secondo il 93% degli intervistati la domotica potrebbe essere utile, pur con alcune perplessità legate alla difficoltà di utilizzo e sul fatto che ancora non sia sufficientemente diffusa.

Anche considerando i consumi idrici, c'è consapevolezza: il 69% degli intervistati preferisce la doccia al bagno, il 59% adotta accorgimenti per utilizzare l'acqua in modo razionale e il 37% ritiene utili i dispositivi frangi getto nei rubinetti. Anche il tema dell'inquinamento idrico è sentito, tanto che quasi uno su tre (27%) dichiara di privilegiare detersivi ecosostenibili.

Uno stile di vita più ecologico con le app. La tecnologia va in aiuto di chi desidera avere uno stile di vita più sostenibile sia tra le mura domestiche sia fuori.

Per esempio c'è Junker, un'app che aiuta a fare la raccolta differenziata domestica senza errori: la piattaforma è in grado di riconoscere i diversi tipi di prodotti grazie al codice a barre (con più di un milione di prodotti finora censiti), o in alternativa il simbolo chimico o anche una foto, scansionando uno di questi elementi con lo smartphone. L'app poi scompone il prodotto nelle materie prime che lo costituiscono e indica in quali bidoni vanno gettate; oltre a ciò, può dare le informazioni relative al modello di raccolta differenziata della zona in cui l'utente si trova.

Essere sostenibili significa anche non sprecare cibo: su questo fronte ci sono diverse app anti-spreco, come Eco dal frigo, che propone ricette a partire dagli ingredienti già presenti in cucina, oppure Last Minute Sotto Casa, che consente all'utente di ricevere notifiche dai negozi della sua zona su prodotti in prossimità della scadenza o in eccedenza che sono venduti scontati, dopo aver inserito, in fase di registrazione, il proprio indirizzo, le categorie di cibo cui si è interessati e la distanza da casa cui si è disposti ad arrivare.

Per quanto riguarda gli spostamenti, ci sono le piattaforme di carpooling, per condividere i viaggi in modo da risparmiare denaro e inquinare meno, come BlaBlaCar, oppure, tra le novità, c'è Movecoin, un'app che dà la possibilità di accumulare moneta digitale (i Movecoin) se ci si muove camminando, correndo o in bici, in modo da stimolare le persone a fare attività fisica rinunciando ai mezzi inquinanti.

L'app permette di tenere sotto controllo la velocità, la distanza percorsa, la durata e quanti Movecoin vengono prodotti ogni chilometro, grazie ai sensori interni dello smartphone e al segnale Gps. Si possono usare i Movecoin presso una rete di negozi convenzionati per acquistare prodotti con lo sconto oppure metterli all'asta cedendoli al miglior offerente in cambio di euro.

Sempre per premiare chi si muove in modo ecologico c'è Wecity: grazie all'app gli spostamenti in carpooling, bicicletta e mezzi pubblici si traducono in crediti di CO2, utilizzabili per avere sconti su prodotti come bici elettriche, viaggi, voucher per i maggiori provider di carsharing e accessori vari.

Anche nelle vacanze si possono scegliere opzioni ecologiche: tra per gli altri c'è Ecobnb, che mette in contatto turisti responsabili e strutture ricettive rispettose dell'ambiente; sulla piattaforma si trovano esperienze di viaggio vissute alla scoperta di angoli d'Italia meno noti, itinerari a piedi o in bicicletta, in treno o a cavallo, consigli pratici per ridurre l'impatto a livello di inquinamento dei viaggi e una serie di realtà locali poco conosciute, oltre ai tour operator e alle strutture ricettive green (quelle presenti sul sito sono 2.500). Oppure c'è Turismo senza auto, un portale che propone itinerari e mete raggiungibili con il trasporto pubblico, quindi in treno e in bus, e a piedi e in bici. Un altro portale è Biotravel, che consente di organizzare vacanze scegliendo tra una serie di strutture attente alla sostenibilità (che offrono anche delle esperienze eco).

Infine c'è GreenApes, community online di persone che vogliono vivere in un modo che rispetti il pianeta, che permette di creare un profilo su cui raccontare azioni e idee sostenibili, con la possibilità di accumulare dei punti (chiamati BankoNuts) da usare presso attività commerciali (e iniziative culturali) per ottenere premi. Sull'app è possibile trovare una mappa dei posti e delle soluzioni per compiere azioni come comprare prodotti biologici, vestiti di seconda mano, spostarsi in carsharing.


Fonte: italiaoggi.it
Ultimo aggiornamento il 06/08/2018

KRLAVORO

Provincia di CrotoneSettore Mercato del Lavoro e F.P.Copyright 2014 - Tutti i diritti sono riservatiPolicy PrivacyEmail: info@krlavoro.it